Prepariamoci con i rimedi naturali per essere pronti ad affrontare la stagione invernale.

In inverno siamo più esposti al freddo ed alle basse temperature.

E’ molto importante per tutti noi,

ma soprattutto per i due estremi della vita e cioè per gli anziani e per i bambini.

Perché sia gli anziani che i bambini sono più soggetti ad ammalarsi con l’arrivo del freddo.

I bambini per via delle comunità, pensate ai nidi d’infanzia,

per gli anziani perché con il passare degli anni le difese si indeboliscono.

Per essere pronti ad affrontare il freddo ci vengono incontro molte metodiche e rimedi naturali  :

prima su tutte è l’alimentazione,  poi la fitoterapia, l’omeopatia, gli oligoelementi e la Bioenergetica.

 

Per la Medicina Tradizionale Cinese le stagioni non sono quattro ma cinque ( come cinque sono le strutture caratteriali ).

Ad  ogni stagione corrisponde una coppia di organi definita “Loggia” la quale nella stagione corrispondente è più sollecitata nel suo lavoro.

In autunno la loggia corrispondente è quella del Metallo e gli organi sono Polmoni e Grosso Intestino.

In Inverno la loggia corrispondente è quella dell’Acqua e gli organi sono Reni e Vescica

Dopo l’espansione della stagione estiva, il corpo si ritrova ad iniziare pian pian un processo di contrazione

( l’alternanza tra espansione e contrazione è uno dei principi fondamentali di Bioenergetica  e della vita) dovuto al Vento e Secco.

I segni di tale contrazione sono : tosse secca, gola secca, labbra secche, stipsi, ecc.

Naturalmente l’alimentazione la fa da padrona, così come previsto dalla loggia Metallo.

Con l’alimentazione aiutiamo l’intestino ed i polmoni.

Nell’articolo dedicato alla : Alimentazione  Bio-Energetica : Curarsi Con gli Alimenti ad Alta Vibrazione, troverete tutti i consigli utili per aiutare i suddetti organi ad essere al massimo della loro energia, soprattutto per l’intestino.

Quest’ultimo è di fondamentale importanza per la risposta immunitaria efficace e pronta.

Dovuta, non solo al fatto che l’intestino ha una superficie di oltre 200 metri quadrati,

ma anche alla quantità di cellule e stazioni linfonodali deputate alla difese dell’organismo che sono indovate nella sua struttura.

A tal proposito è di fondamentale importanza che tale organo abbia un microbiota ( L’insieme di microorganismi simbiotici ) in piena Eubiosi.

Per mantenere l’Eubiosi ci vengono in aiuto probiotici e prebiotici, ma l’alimentazione la fa da padrona.

Il Microbiota in equilíbrio aiuta non solo la mucosa del Polmone, ma tutte le mucose dell’organismo.

In tal senso per  i Polmoni diventa di particolare importanza, oltre che l’intestino, la respirazione,

anche in questo caso potete trovare le giuste indicazioni per avere un respiro libero, spontaneo e diaframmatico nell’articolo dedicato : Dare Voce al Sé : Respirare !!L’Ossigeno è Vita !

Sia l’alimentazione che la respirazione aiutano inoltre a potenziare le difese immunitarie e prevenire i malanni di stagione.

LE CURE NATURALI 

 

Olii Essenziali maggiormente utilizzati : 

Eucalipto, Menta, Issopo, Timo, Abete Rosso e Pino Mugo possono essere utilizzati singolarmente o associati.

Poche gocce di Olio Essenziale in acqua bollente come fumenti per un effetto balsamico, rinfrescante, per liberarsi dal catarro in caso di : Riniti, Faringiti, Laringiti, Tosse, ecc.

 

Oligoelementi utili per le stagioni autunno/Inverno :

Rame-Oro-Argento  sono associati alla Diatesi ( Predisposizione ) 4 Anergica/Astenica ( mancanza di forza ed energia ) di Ménétrier.

Una fiala a giorni alterni per cicli di due mesi, iniziando subito ai primi freddi, aiuta a prevenire e rafforzare le difese immunitarie.

Una  persona con Astenia Psico-Fisica è più soggetta ad infezione, ecco perché la combinazione dei suddetti oligoelementi è molto utile.

 

Fitoterapici Maggiormente utilizzati.

Per un miglior utilizzo dei Fitoterapici vi rimando all’articolo ; Curiamoci con le Piante.

Sono molti i fitoterapici utilizzati in questo periodo dell’anno.

Quelli più consigliati sono : Echinacea, Rosa Canina e Ribes Nigrum.

Di solito li utilizzo come Macerati Glicerinati e non come Tintura Madre.

Studi in tal senso hanno evidenziato che il Macerato, se estratto in maniera perfetta, è più efficace  della Tintura.

Possono essere usati singolarmente oppure associati.

Di solito faccio una prescrizione del tipo : 20/30 gocce di ognuno mattino, pomeriggio e sera.

Il  Ribes è consigliato al mattino verso le ore 8, gli altri due gemmoterapici si possono assumere come più conviene.

Altri fitoterapici utilizzati sono : Propoli, Semi di Pompelmo, Uncaria, ecc.

Nota : i fitoterapici vanno usati sempre sotto consiglio medico o di persona esperta.

 

Rimedi Omeopatici 

L’Omeopatia può essere di grande aiuto sia nella prevenzione  che nella fase acuta di qualsiasi patologia della stagione invernale.

Innanzitutto, la prevenzione, non è affatto vero che la medicina omeopatica non sia una metodica da utilizzare per prevenire,

se penso alla Diatesi ( la predisposizione delle persona ad ammalarsi di determinate patologie ) penso a quanto sia efficace il rimedio omeopatico.

Conoscendo la Storia Bio-Patografica  e quindi il Terreno della persona si conoscono i suoi punti deboli che possono essere stimolati positivamente con il Rimedio Unico.

Tale rimedio ha lo scopo di stimolare  L’Energia Vitale per l’Autoguarigione ( Vis Medicatrix Naturae ) e di conseguenza prevenire.

Il solo Simillimum ( Il rimedio di Similitudine Omeopatica ) può essere efficace.

Altrimenti ad esso si possono associare altri rimedi omeopatici che “seguano” bene il simillimum.

Di seguito verranno affrontati i vari malanni di stagione con i relativi rimedi più utilizzati.

 

1) RAFFREDDORE

Nella fase di esordio : è consigliabile Nux Vomica 9 CH,

Nella fase di stato : Allium Cepa 9 CH ( Rinorrea acquosa irritante ), Kalium Muriaticum 9 CH ( rinorrea mucosa bianca ), Kalium Bichromicum 9 CH ( Secrezioni nasali giallo verdastre, vischiose ),

Nella fase di risoluzione : Pulsatilla 9 CH

 

2) MAL DI GOLA 

Faringite : Belladonna 9 CH, Aconitum Napellus 9 CH, Phytolacca Decandra 9 CH, Mercurius Solubilis 9 CH

Ai rimedi sopra aggiungere nel caso di : Disfagia Apis Mellifica 9  CH,

Se mucosità spesse e gialle con tendenza alle ulcerazioni : Kali Bichromicum ed Hydrastis 9 CH : 5 granuli di ognuno alternandoli durante la giornata,

se dolore alla faringe con sensazione di spina conficcata e muco gelatinoso : Argentum Nitricum 9 CH

Laringite : Aconitum Napellus 9 CH in caso di febbre alta, Arum Triphyllum 9 CH se la gola brucia ed è arrossata. Nel caso si possono associare i rimedi descritti per la Faringite.

 

3) TOSSE 

Tosse Secca :

Ipeca 9 CH ( tosse con secrezioni viscose che provocano nausea e/o vomito );

Songia Tosta 9 CH ( tosse secca abbaiante  che migliora con bevande calde );

Drosera 9 CH ( Tosse notturna che provoca risveglio );

Bryonia 9 CH ( tosse secca con bruciore che aggrava muovendosi, migliora di sera con sete intensa ).

Rumex Crispus 9 CH ( tosse provocata da prurito laringeo che migliora coprendo bocca e naso e peggiora inspirando aria fredda )

– Tosse Grassa :

Antimonium Tartaricum 9 CH ( tosse grassa produttiva, rantoli ed espettorazione difficile, peggiora dalle 2.00 alle ore 4.00 ). Ipeca 9 CH ( tosse con dispnea, cianosi e rantoli diffusi );

Pulsatilla 9 CH ( tosse con muco denso giallastro di giorno e tosse secca di notte  che peggiora sdraiandosi )

– Tosse Accessionale :

Coccus Cacti 9 CH ( tosse con vellichio laringeo, espettorazione mucosa filante vischiosa, peggiora col freddo e migliora col caldo );

Drosera Rotundifolia 9 CH  ( tosse spasmodica ad accessi con dolori costali o addominali, cianosi, inspirazione sibilante, espettorazioni filanti ).

Anche per la tosse esistono in commercio sciroppi  già pronti preparati con rimedi omeopatici

 

4 ) SINUSITE 

Sticta 9 CH  ( sinusite frontale senza secrezioni nasali ):

Kalium Iodatum 9 CH ( Sinusite frontale e poca secrezione sierosa );

Kalium Bichromicum 9 CH ( sinusite frontale con secrezioni mucopurulente );

Mezereum 9 CH ( sinusite mascellare con secrezioni purulente ).

 

5 ) OTITE 

– Otalgia ( Dolore ) : Aconitum, Magnesia Phosphorica e  Chamomilla 9 Ch

– Otite : Capsicum, Belladonna, Pyrogenium, 9 CH ad essi vanno aggiunti i rimedi della infiammazione e/o suppurazione, ma essendo la cavità dell’orecchio medio una cavità senza via di deflusso i suddetti rimedi vanno utilizzati con estrema cautela e da persona qualificata.

 

6 ) INFLUENZA 

La prevenzione di questa patologia è affidata ai rimedi che in omeopatia sono definiti Isoterapici :

( Il termine Isoterapia deriva dal greco isos, identico, e si basa sul principio dell’uguaglianza: “Aequalia aequalibus curentur” o legge d’identità.

L’Isoterapia è menzionata nelle ultime edizioni dell’Organon di Hahnemann, ed utilizza rimedi omeopatici unitari derivati da sostanze che hanno provocato lo stato patologico;

Wilhelm Lux osservò che applicando la tecnica di diluizione e dinamizzazione omeopatica ad un derivato organico infettivo (batterio, virus, escrezioni o secrezioni di materiale organico infetti),

quest’ultimo acquista azione terapeutica sulla malattia risultata dal contagio ).

Pertanto i rimedi maggiormente usati sono :

Influenzinum ( Influenza ),

Aviaire ( Tubercolina preparata dalla variante Mycobacterium Tubercolosis varietà Aviaria per l’influenza Aviaria );

entrambi utilizzati alla 9 CH, iniziando ad assumere il rimedio 5 granuli ( Di solito è una dose contenuto di globuli ) ogni 7 giorni da Ottobre fino a Marzo.

Anas Barbarie, preparato a partire dal cuore e fegato di anatra muschiata ad una diluizione 200K.

Anche quest’ultimo preparato è utilizzato in dosi settimanali da assumere per tutta la stagione ed in fase acuta può essere utilizzato un tubo dose ogni 12 ore diradando col miglioramento.

Esistono in commercio prodotti che contengono tutti i principi attivi sopra menzionati con aggiunta anche di altri isoterapici e piante medicinali per la stimolazione delle difese immunitarie.

 NOTA : I rimedi omeopatici usati in caso di influenza sono gli stessi che vengono usati per la febbre, cambiano solo le modalità e la patogenesi dei rimedi stessi.

 

7 ) FEBBRE 

Per tale problematica vi rimando all’articolo dal titolo : Omeopatia e Febbre, contenente un formato pdf ( scaricabile ) con i rimedi omeopatici utilizzati per la febbre e per le sindromi influenzali e parainfluenzali.

Nota : per semplice questione del rispetto dei principi della omeopatia non ho segnato le varie posologie perché va rispettata una delle principali  leggi omeopatiche,

cioè che in fase acuta si utilizzano basse diluizione ( 9 CH ) e si assumono 5 granuli anche ogni ora per un massimo di 5/6 assunzioni giornaliere, diradando in base al miglioramento.

Se riuscite ad associare in modo corretto le varie metodiche, a partire dall’alimentazione fino ad arrivare ai vari rimedi che la natura ci offre…i risultati sono assicurati.

Soprattuto nei bambini.

No siate rigidi nel momento in cui ci fosse bisogno di utilizzare dei farmaci, le due metodiche si possono associare tranquillamente,

anzi, in alcuni casi si hanno dei risultati migliori, efficaci, duraturi e veloci. Ma rispettando i principi di prescrizione del rimedio omeopatico.

A maggior ragione per coloro che intendono dedicarsi solo alle cure naturali la prevenzione deve essere obbligatorie e ripetuta ogni anno.

Consiglio di utilizzare sempre gli stessi rimedi, nella mia piccola statistica ho notato che cambiando  dei rimedi si sono verificate delle ricadute.

Mi riferisco all’utilizzo degli Isoterapici.

A dimostrazione del fatto ce la nostra energia vitale abbia bisogno sempre dello stesso stimolo vibrazionale per essere efficace al 100%.

Buona prevenzione a tutti.

Share This