Preambolo :

L’associazione della Bioenergetica con l’Omeopatia nacque un giorno per puro caso mentre si lavorava in una classe di esercizi di bioenergetica.

Un lavoro di gruppo sulla rabbia con i partecipanti che urlavano e protestavano liberando la propria emozione.

Chiedo ad una partecipate di eseguire l’esercizio con la parte alta del corpo protesa in avanti, di aprire bene la mascella e di urlare a squarciagola. nel frattempo noto che le mani si irrigidiscono ed aprono a mo’ di artiglio, le chiedo di portare le mani più in alto all’altezza del mio viso e succede quello che non mi sarei mai aspettato.

Due mani che mi stringono la gola per “strozzarmi” con una forza impressionante. La partecipante ebbe una abreazione ( scarica emozionale con funzione catartica ) a dir poco straordinaria.

Sono stato molto fortunato, sono ancora vivo e non essendomi spaventato la persona è riuscita a scaricare tutta la sua energia emozionale trattenuta e rimossa.

Sono stato fortunato anche perché l’episodio mi ha dato la possibilità di collegare il “Simillimum” omeopatico al “Simillimum” Bioenergetico.

L’omeopatia (dal greco ὅμοιος, simile, e πάθος, sofferenza) è un metodo clinico terapeutico, nato sul finire del XVII secolo dagli studi del medico tedesco Samuel Hahnemann.

Il concetto dell’omeopatia è basato sull’aforisma : “Similia Similibus Curantur” (I simili si curano con i simili), conosciuto anche come “Principio di Similitudine del Farmaco”.

Il rimedio appropriato per una determinata malattia sarebbe dato da quella sostanza che, in una persona sana, induce sintomi simili a quelli osservati nella persona malata.

Il rimedio naturale detto anche “Principio Omeopatico”, viene estratto da prodotti naturali e somministrato al malato in una quantità diluita e dinamizzata.

La partecipante alla classe avendo avuto la possibilità di esprime con molta similitudine, sia fisicamente che mentalmente, una azione rimossa ( “quante volte ho desiderato di strangolare mio marito perché  violento” ) si è liberata dalla spasticità dei muscoli che le impedivano di esprime se stessa.

Inoltre, sottolineo quanto sia importante non perdere di vista il corpo; l’episodio fa capire quanto la Bioenergetica sia anche e soprattutto “Somatopsichica”: il lavoro sul corpo incide su quello mentale.

“L’Io plasma il corpo ed il corpo plasma l’Io” Lowen.

Il rimosso strutturato nel corpo può essere reso cosciente sia dal rimedio omeopatico che dal lavoro corporeo alternato a quello verbale.

PARALLELISMO TRA LE DUE DISCIPLINE

Omeopatia

E’ la relazione primaria che determina la struttura “psicofisica”

Modellamento della personalità – “Riconoscenza/Risentimento”

“Costituzione omeopatica”  Intera struttura biologica psicofisica determinata dalla interazione dei fattori genetici ed acquisiti che si identifica attraverso i sintomi caratteristici mentali.

Costituzione, Diatesi e Tipologia Sensibile formano il “Terreno”

Il medicamento opera solo sulla costituzione dell’individuo, moderando, rettificando e provocando la reazione che è propria della sua predisposizione ( diatesi ). “psicosomatica” e “somatopsichica”

Bioenergetica

“Corazza Caratteriale”

I 5 caratteri di Lowen ( in base ai 5 diritti fondamentali )

Il permanere di una condizione di frustrazione renderà necessario per l’organismo il mantenimento di un “blocco” della propria pulsione insoddisfatta o repressa che assumerà una sua connotazione corporea nel blocco della sua muscolatura volontaria ed involontaria connesse alla rivendicazione dei diritti non riconosciuti. “struttura corporea”

La bioenergetica opera con la terapia dinamica e corporea sulla costituzione, moderando, rettificando e provocando la reazione che è propria della sua predisposizione ( carattere di Lowen ). “psicosomatica” e “somatopsichica”.

Il parallelismo sopra esposto ci indica come le due discipline siano integrate e quanto l’una possa aiutare l’altra in piena sinergia se utilizzata da mani esperte :
un carattere ha la sua struttura base, i suoi tratti e personalità con le sue predisposizioni a manifestare determinate patologie fisiche e corporee; ogni personalità omeopatica ha la sua struttura ( Costituzione ), tratti ( Tipologia Sensibile ) e personalità ( Psichismo ) con le relative sue predisposizioni ( Diatesi ). Il tutto forma un “terreno” unico, raro e sopratutto individuale ed indivisibile.

Ad ognuno dei cinque caratteri ( Schizoide, Orale, Psicopatico, Masochista e Rigido ) corrisponderà una Diatesi con i relativi rimedi di nucleo e satelliti nel rispetto della sua struttura di nucleo e dei tratti associati.

Questo per dire che i cinque caratteri non corrispondono in modo perfetto alle Cinque Diatesi.

Una delle regole fondamentali dell’omeopatia è : si cura il malato e non la malattia, ogni sintomo è inserito nel contesto della Storia Biopatografica , dove l’importanza fondamentale è data dal “Terreno” ( Struttura ).

MODO DI PROCEDERE DEL LAVORO BIOENERGETICO E DELLA PRESCRIZIONE DEL RIMEDIO : DALL’INTERNO VERSO L’ESTERNO E VICEVERSA .

Lycopodium
corazza

Conclusione ;

Le due discipline possono essere integrate ed avere una azione sinergica nella cura della persona, soprattutto nelle patologie croniche date da infiammazioni silenti. In queste situazione è di importanza fondamentale conoscere la struttura di partenza e le predisposizioni della suddetta struttura. Le due componenti  ( divise solo per ragione didattica, essendo un tutt’uno ) mente e corpo  si influenzano reciprocamente, si plasmano a vicenda, a maggior ragione in questi casi bisogna avere la padronanza di capire come il corpo ci parla ed in che modo lo faccia. L’Omeopatia e la Bioenergetica sono di grande  aiuto  proprio nei casi di patologia cronica “silente”, non solo in fase di recrudescenza. Tale fase può addirittura essere prevista dalla lettura del corpo.

Conosco la struttura…conoscerò il suo destino.

Share This