La Curcuma è una delle piante più utilizzate, negli ulti anni, in fitoterapia e non solo.

Le sue proprietà sono veramente così potenti e curative?

Periodicamente, in fitoterapia, si parla di qualche estratto fitoterapico con poteri di guarigione miracolosi.

La lista è lunga, ne cito solo qualcuno : Aloe, Melograno, Spirulina, Papaya, ecc. 

Piante, frutti, radici, fiori tutti con poteri “miracolosi”.

Ognuno di loro ha delle proprietà curative, ma ci sono delle regole precise per farle diventare tali.

Ogni giorno sentiamo parlare della Curcuma, 

Anche i miei pazienti mi confessano che fanno uso di curcuma in tutte le “salse” in cucina.

Come coleretico e colagogo è eccellente.

Va benissimo e fanno bene, ma a livello medico questa pratica serve a poco se non a nulla.

 Curcuma e studi scientifici.

Se siete curiosi e fate una ricerca su Pub Med sulle proprietà della Curcuma il risultato è di 3453 articoli.

Potente !!!!

Potete togliervi qualsiasi curiosità di lettura per controllare se la Curcuma ha veramente potere curativo!?

Naturalmente, gli articoli sono scritti in inglese con linguaggio tecnico e difficile da capire per i non addetti.

Vi ho risparmiato la fatica e l’ho fatto io al vostro posto.

Anche perché nella mia pratica quotidiana utilizzo, in modo integrato, i fitoterapici.

Così, anche io mi sono chiesto se fosse vero che la Curcuma abbia così tante proprietà curative??

Facciamo un passo per volta.

Curcuma ( Curcuma Longa L. )  è una piante veramente unica.

Perché combina le  proprietà di una spezia, colorante, cosmetico e farmaco.

Come spezia e medicina alle erbe è usata fin dall’età Vedica.

In medicina e nutrizione le sue proprietà farmaceutiche sono state ampiamente riconosciute.

Il rizoma essiccato di Curcuma è una ricca fonte di composti fenolici benefici noti come Curcuminoidi.

I Curcuminoidi sono i componenti più importanti correlati al suo ingrediente principale : la Curcumina.

Proprietà della Curcuma.

Le principali proprietà della Curcumina sono veramente tante, tra  di esse le più importanti sono :

Riduzione del colesterolo, prevenzione della ossidazione delle LDL ( lipoprotreina a bassa densità ).

Inibizione della aggregazione piastrinica, soppressione della trombosi e infarto del miocardio.

Soppressione dei sintomi associati al Diabete di tipo II.

Antinfiammatorio sistemico ad ampio spettro, molto efficace nella infiammazione silente e cronica.

Come ad esempio l’Artrite Reumatoide.

Modula e sfiamma situazioni come : dolori, fibromialgia, artriti, ecc.

Antinfiammatorio delle patologie neurologiche degenerative come ad esempio il Morbo di Alzheimer.

Proprietà antinfiammatorie di tutto il tratto gastroenterico : reflusso, gastriti, patologie degenerative, sindrome dell’intestino permeabile, ecc.

Degenerazione neurologica con segni di perdita di memoria, disorientamento, ecc.

Proprietà antineoplastiche , combatte i tumori.

Nota : per dovere di cronaca la sua attività fortemente antinfiammatoria è dovuta ad una down-regulation del fattore NF-kB e conseguenti citochine proinfiammatorie.

Riduzione di TNFalfa, IL-1, IL-6, IL-12.

Queste le proprietà più importanti della curcuma, ma  ne esistono molte altre con valore, diciamo, minore.

Come può essere l’uso quotidiano ( ma non troppo ) in cucina per migliorare la digestione.

I problemi della curcuma 

I problemi principali della Curcuma sono dovuti alla sua liposolubilità.

La farmacocineticà è molto influenzata da questa capacità :

un farmaco per essere assorbito più rapidamente ed in ottima concentrazione deve avere una alta liposolubilità.

Le vitamine A, K, D sono un esempio di liposolubilità eccellente.

La Curcuma ha una bassa liposolubilità, pertanto presenta un basso assorbimento intestinale.

Quel po’ che assorbiamo a livello intestinale è metabolizzato in modo elevato dal fegato con conseguente scarsa Biodisponibilità.

Tradotto : ne assorbiamo pochissima nell’intestino e quel po è immediatamente distrutta dal fegato.

Come risolvere il Problema????

Per fare in modo  che la Curcuma ( Curcumina  ) sia veramente potente deve avere delle qualità e caratteristiche ben precise.

Rendere il suo principe attivo, la curcumina, sia assorbibile nell’intestino e biodisponibile una volta riassorbita.

Per rendere tale la curcumina si utilizzano diverse tecniche :

  • una dose elevate di Curcuma
  • un estratto di circa il 95% di curcumina
  • impiego di “veicolo” che possa far assorbire la Curcuma nell’intestino
  • aggiunta di un tensioattivo  e l’associazione con lecitine
  • utilizzo di curcumina altamente raffinata.

Un dosaggio elevato con un titolo di curcumina al 90/95 %.

E’ la base di partenza per rendere una quantità efficace  di curcumina disponibile.

L’impiego del pepe ( piperina ) è molto importante perché ha una funzione di “booster”,

Cioè aumenta il flusso sanguigno e ne facilita l’assorbimento.

Inoltre, la piperina, blocca anche un enzima ( CYP3A4 : per gli addetti ai lavori ) per prolungarne l’attività biologica.

l’associazione con le lecitine, solitamente con fosfatidilcolina, per creare un doppio strato liposolubile così aumenta l’assorbimento enterico.

Alcuni studi dimostrano che una curcumina altamente raffinata è circa 70 volte meglio assorbita.

I normali estratti hanno dimensioni di circa 177 µm.

Mentre un estratto con una dimensione  che può variare dai 6/8 – 46/48 µm è assorbita molto di più.

Pochi giorni fa leggevo un articolo dedicato alla Curcuma, devo a questa lettura la nascita di ciò che state leggendo.

Viste le grandi e varie proprietà sono stati eseguiti studi per la coltivazione della Curcuma.

Da terreni di coltivazioni, definite ANN : rete neurale artificiale, sono emerse cose molto importanti.

Per essere coltivata ha bisogno di particolari terreni.

In base al tipo di terreno la percentuale di presenza di curcumina passava da 0,4% a 8,8%.

Questo ci fa ben sperare : la dose alta di partenza, come abbiamo visto, è importante per una preparazione medica ottimale.

Ritornando alla domanda iniziale : la Curcuma e le sue proprietà sono veramente cosi potenti??

Si, lo sono.

Lo sono solo se la Curcuma è preparata come accennato ed utilizzata da mani esperte.

Inoltre, come abbiamo visto, molto dipende dall’assorbimento intestinale.

Un intestino in ordine come Microbiota aumenta la percentuale di curcuma assorbita.

In tal caso valutate l’eventuale presenza di Intolleranze alimentari.

Una integrazione di Fibre, acidi grassi polinsaturi ( PUFA ) e Curcuma sono efficaci in alta percentuale.

Se le fibre sono ad alto valore nutrizionale come alimenti vivi e Bio-Energitici diventano ancora più potenti.

Diffidate dalle imitazioni e consultate il vostro medico.

Share This